domenica 13 novembre 2011

Mainz: in giro per il centro

Mainz è una città abbastanza grande, ma non una megalopoli. Ha un centro storico, in grandissima parte solo pedonale, molto ben organizzato e accogliente per un turista.



Si può raggiungerlo camminando lungo il fiume, dove una lunga passeggiata permette di godersi il sole.
Non mancano panchine per sostare e cose da fare e scoprire divertenti per i più piccoli


per esempio si possono guardare le tante chiatte per le merci e navi da crociera che transitano


o camminare in equilibrio sui gradoni o andare su una giostra, e scoprire giochi nuovi: guardate questo curioso puzzle musicale, saltando su ogni tessera si fa suonare una nota diversa

 

ma anche osservare le molte rocche (per un bimbo vedere uno smerlo evoca subito un castello), forse antichi posti di blocco per accedere dal fiume al centro.


Per una famiglia con bimbi piccoli, come si sarà capito anche dai precedenti racconti, è una sorta di Eden: strade sicure, rispetto delle regole (no, non ci sono automobilisti indisciplinati...), numerosissime aree gioco, tutte diverse e così frequenti che si riescono a fare molti chilomentri a piedi, giocando a fare i turisti con bimbi soddisfatti e adulti pure...  Il giro per il centro della città che vedete documentato in questo post si può fare in una giornata, noi lo abbiamo fatto una domenica, godendoci il sole caldo dell'autunno sul Reno.

E' bello anche osservare la vita di ogni giorno di chi vive in questa bella città: questa è una delle piccole biblioteche in esterna, sono aperte e ognuno può fruirne e prendere in prestito libri.




Tante architetture diverse convivono e raccontano il passato della città




 


come il suo presente (e futuro)



tra antico e contemporaneo




Tra tradizione e innovazione




che convivono in un buon equilibrio, apparentemente.
A volte sembra di essere fuori dal tempo, in un luogo dove si vive molto più lentamente che da noi


dove c'è molta attenzione ai dettagli, e alle persone (specialmente a quelle più piccole)




In realtà non è così, è soltanto espressione di una società che ha saputo modulare bene lo spazio delle città, per vivere con ritmi realmente a misura di essere umano, anzi di famiglia.

Anche questo è un viaggio emotivo,  mi trovate anche qui!



6 commenti:

  1. Anche il marito qui apprezza - molto - dal divano! corro a linkare

    RispondiElimina
  2. Grazie Stima (e marito)
    :-)

    RispondiElimina
  3. Che bello questo paesino! Deve essere davvero piacevole vivere in una città così a misura di persone e bambini. E che carine le librerie per strada!!!

    RispondiElimina
  4. "paesino" da 200mila abitanti, peró sí molto misura d'uomo, vi piacerebbe :) grazie della visita Claudia!

    RispondiElimina
  5. Ah si, allora è un paesino grande :-)
    Buon inizio settimana!

    RispondiElimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...