lunedì 12 marzo 2012

Tajine di verdure invernali


La primavera è alle porte, ma ancora per qualche giorno abbiamo a disposizione le verdure invernali che ci hanno tenuto compagnia per tanti mesi. Ecco un modo diverso per prepararle e dare loro un commiato onorevole! ;)

Di tajine vi ho già parlato, qui trovate una precedente ricetta estiva, è una pentola che amo molto e che vedo tra l'altro ricorrere tra le "chiavi di ricerca" di chi visita il mio blog, ne sono contenta, ecco allora una proposta diversa.





Per me tajine significa verdure e legumi, sono partita mettendo in ammollo questi ultmi di prima mattina e poi cuocendoli in pentola a pressione, con un pezzettino di alga kombu per migliorarne la digeribilità e un po' di alloro, e poi ho lavato e tagliato una buona quantità di verdure di stagione. 


Nella mia Tajine ho messo dunque a cuocere sopra un filo d'olio EVO: carciofi, broccoletti, cavolo nero a fettine, cipolla rossa, cavolo romano, cavolo cappuccio rosso, mi mancheranno queste sfumature bellissime di verdi e viola!



La cosa meravigliosa di questa pentola è che ti permette di disporre le verdure come le vuoi presentare e rendertele cotte perfettamente integre e ben disposte: è sufficiente aggiungere meno di un dito d'acqua, eventuali spezie, un filo d'olio e cuocere per circa 20 minuti a fuoco moderato. Volendo ottenere un piatto più saporito si può fare un soffritto con la cipolla e le spezie nella tahine stessa e aggiungere le verdure e l'acqua dopo.



pronte per esser portate in tavola!
Ho aggiunto i legumi a cottura ultimata questa volta perchè li stavo cuocendo in parallelo in pressione ed erano già aromatizzati con una foglia di alloro, ma li potete cuocere insieme, in genere lo faccio sempre, così assorbiranno il condimento della tajine.


Ho voluto un gusto deciso per questo insieme colorato, e per insaporire ho usato un mix di spezie ad hoc che avevo acquistato in Germania (il mio souvenir di viaggio preferito sono le spezie): Tajine Arabica. Qui potete leggere gli ingredienti e replicare facilmente, lascio la traduzione a chi è interessato, vi segnalo però che vendono dei buonissimi mix già pronti nel supermercati, nei negozi etcnic, in erboristeria se ben fornita.


In genere porto in tavola la mia tajine e delle ciotole di riso o cous cous, integrali o semintegrali, da cui ognuno attinge a volontà, questa volta però ho preferito una presentazione classica per cui ho messo del riso lessato in una coppetta cinese, rovesciata su un piatto come vedetenella foto


 e poi contornato con le verdure e una spolverata di spezie sul riso.


Ho fatto altrettanto con il cous cous. Io amo quest'ultimo, mio marito preferisce il riso, eSSe assaggia da tutti e due!


E' un piatto leggero e completo, potrete eseguirlo anche con normali pentole, tuttavia provate questa cottura se ne avete occasione, vi piacerà!

Buon appetito!

20 commenti:

  1. L'ho vista anche qualche giorno fa all'ikea, è da un po' che ci passo davanti e mi occhieggia ammiccante dallo scaffale. La comprerò senz'altro, ma in cucina non ho molto spazio, sto meditando di cambiarla, e questa pentola un po' ingombrante non mancherà, anche perchè mi piace molto cucinare etnico, e questa portata direttamente in tavola è molto scenografica!
    Condivido con te la passione per le spezie, anche per me spesso ricordo di viaggio, qualche giorno fa ho messo un po' di ordine contando una ventina di vasetti solo di spezie, senza considerare almeno altrettanti vasetti di erbe aromatiche. Possono davvero cambiare carattere ad un piatto. A presto
    Michela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai sono arrivate anche lì? :) bello!!!
      Io amo molto le pentole, infatti su quelle non lesino. Piuttosto aspetto (anche una svendita ;) quando qualche negozio molto bello rinnova i locali) ma sono fondamentali.

      Tra le mie più amate c'è il wok, uno dei miei primi amori, quello però spesso spesso; la tajine (e se ti piace il cous cous viene MERAVIGLIOSO, come quello che mangi nei ristoranti marocchini, non per altro te lo cucinano così) e il testo romagnolo! ;)

      Spezie non ne parliamo, ho un armadietto intero pieno e ieri ho comprato tanti aromi freschi che il freddo di quest'anno mi ha decimato le piantine sul balcone!

      ciao!

      Elimina
    2. Eh hai proprio ragione sulla quantità delle pentole, ed un buon wok di quelli pesanti, costa parecchio ma è un ottimo investimento e dura una vita, tra l'altro è una delle pentole che uso di più, e le verdure saltate sono deliziose!

      Elimina
    3. Sì, un buon investimento, anche perchè le pentole da poco rendono poco e durano pochissimo...

      Elimina
  2. ma che ricetta invitante anche se non conoscevo questa pentola!
    io ieri sera ho fatto il cous cous di verdure e tofu ed ancora mi lecco i baffi ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ricetta, ricetta, ricetta :-D!

      Elimina
    2. Grazie del tuo commento, buono il cous cous verdure e tofu! A me piace molto con quello affumicato :) Io amo molto i cous cuos...

      Elimina
  3. Che bello questo post! Per i colori, gli odori e la passione che metti nel cucinare i tuoi piatti! Anche a me piacciono le spezie e mi ricordano i viaggi che ho fatto. Per anni mi sono fatta portare la chiubritza dalla Bulgaria. E' la nostra santoreggia ma non ha lo stesso sapore...
    Io, a differenza di te, sono pigra! Mi piace mangiare, sia con gli occhi che con la bocca, ma non ho pazienza nel preparare piatti belli e buoni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Avevo la santoreggia, presa in liguria, ma è morta in questo freddo inverno :(
      Io ho più pazienza in cucina che per i lavoretti, cioè mi piace molto farli e quando inizio poi non smetto per ore, ma mentre cucinare mi viene automatico e mi serve per rilassarmi per partire con un lavoretto devo avare già "spazio mentale" e un progetto in testa. Vedi? Siamo tutte meravigliosamente diverse :)

      Elimina
    2. Si: meravigliosamente diverse! E io e te ci compensiamo benissimo. Io faccio i lavoretti in automatico e mi servono per rilassarmi :-)

      Elimina
  4. Interessante come la stragrande maggiornaza delle cose che proponi, Cì!!
    E questo post cade a fagiolo per comunicarti che ho pensato a te per un riconoscimento carino...anche se immagino che non lo girerai ad altri blog, perchè ricordo ciò che scrivesti a proposito di un altro premio in passato (io stessa di solito non amo scegliere i blog da premiare) io te lo dono lo stesso perchè ci tengo a far sapere "ufficialmente" che ritengo te e il tuo spazio virtuale affidabili e utili :-)
    http://caralilli.myblog.it/archive/2012/03/12/affidabilita-al-100-grazie.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie sei molto molto cara Maris!
      Mi fa molto piacere questo riconoscimento.

      Non so che fare con i premi, questo poi mi lusinga molto e sei la seconda che me lo assegna, te ne ringrazio doppiamente! In effetti non mi piace il dover scegliere altri blog cui girarlo avendo un vincolo numerico, anche perchè a mio parere molti di voi sono speciali nella loro unicità, come avevo spiegato qui http://ilmondodici.blogspot.com/2012/01/2011-in-nutshell.html

      Ci rifletto...

      Elimina
  5. No non conoscevo affatto la pentola, adoro gli accessori e le pentole varie in cucina... Se la trovo la prendo mi incuriosisce molto!
    Sul piatto non c'e nulla da dire, e' perfetto e ricco... Stupendo! Anche Adriano non ama il cous cous ma il riso, come tuo marito, si ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sei molto gentile!
      Io l'ho scoperta in Francia, dove mangio sempre etnico! Il cibo francese è MERAVIGLIOSO ma è difficile trovarlo vegan, o devi chiedere un sacco di modifiche e si finisce per mangiare nel migliore dei casi cose un po' improvvisate. Un giorno me la sono ritrovata nella raccolta punti di uno dei supermercati da cui mi rifornisco, era di una marca nota (e costossissima) e non ho resistito ;) Devo dire che cucina benissimo, c'è una sorta di cottura a vapore, molto dolce però, i cibi non si spappolano, che rende le pietanze molto profumate usando le spezie giuste. E' solo gigantesca, quello sì...

      Cous cous: mio marito dice che gli ricorda troppo il semolino, quando è in trasferta mi sfogo ;) ciao!

      Elimina
  6. Bellissima, questa Tajine: un bel modo di dire addio alle cavolacee, che ci tengono buona compagnia invernale, ma che ora sono contente di andare un po' in vacanza, e lasciar spazio alla primavera!

    RispondiElimina
  7. Anche io compro spezie quando sono in viaggio e se sono in macchina mi porto anche altri cibi e bevande come ricordo... questa pentola mi ha sempre incuriosita... se la trovo all'ikea (cioè: ad un prezzo ragionevole) la compro...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Purtroppo è abbastanza costosa anche lì (sono andata a vedere la scheda).

      @tutti coloro che vogliono acquistarla:
      Provate anche nei negozi etnici, di recente ne ho viste in vetrina in un market per immigrati. E ricordate che la vera tajine è tutta in ceramica. Verificate se va sul fuoco e in forno per scegliere quella che fa per voi. Solo se ha queste caratteristiche potrete provare la cottura tradizionale dei luoghi da cui viene. ciao! :)

      Elimina
  8. Stupenda questa ricetta! Sto cercando di tornare vegetariana in modo più rigoroso e spesso mi vieni in mente tu.. Bacio!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
Commenti anonimi momentaneamente sospesi causa spam. Per i commenti ai post più datati c'è la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...