venerdì 16 novembre 2012

Libri: 5 racconti in 6 lingue per un progetto multiculturale

Cari amici, oggi per il consueto appuntamento con il Venerdì del libro, di Paola, ieri dopo aver letto  il post di Madrecreativa sulla campagna "Io come Tu" promossa da Unicef, che promuove il dialogo sui diritti di cittadinanza dei bambini, ho deciso all'ultimo momento di cambiare la scaletta (desideravo parlarvi di un libro stupendo che sarà sotto il nostro albero, ma c'è tempo) e raccontarvi dell'incontro casuale con libro molto curioso che mi ha colpito per la sua originalità. Ero in biblioteca con eSSe e mentre lei sfogliava i suoi libri io, come sempre, mi guardavo intorno, quando ho notato:

Ma come parli?
Un libro solidale scritto a più mani per QuanteStorie, un festival di libri per bambini e ragazzi che si è svolto dal 2005 al 2010.


Questa pubblicazione raccoglie cinque racconti, scritti ed illustati da nomi famosi che in molti casi riconoscerete, in sei lingue diversa tra italiano, arabo, cinese, spagnolo, rumeno e francese. Sono le cinque lingue principali di immigrazione, con testo italiano a fronte.

L’indice del volume:


Marco Polo e gli spaghettidi Roberto Piumini
con illustrazioni di Pia Valentinis
nell’originale italiano e nella traduzione CINESE

La rivolta delle sardinedi Stefano Bordiglioni
con illustrazioni di Giorgia Atzeni
nell’originale italiano e nella traduzione FRANCESE
Ti piace la tua faccia?
di Roberto Denti
con illustrazioni di Francesca Quatraro
nell’originale italiano e nella traduzione ARABA
Un coniglio tutto solo
di Donatella Ziliotto
con illustrazioni di Maurizio Olivotto
nell’originale italiano e nella traduzione RUMENA
Dove comincia l’arcobaleno
di Giusi Quarenghi
con illustrazioni di Sophie Fatus
nell’originale italiano e nella traduzione SPAGNOLA

 (fonte)
MA COME PARLI? La storia di un libro solidale
MA COME PARLI? è il titolo del libro legato al festival Quantestorie il cui ricavato sarà destinato ai progetti di sviluppo nel Sud del mondo di Intervita

Lo scopo della pubblicazione è duplice: da un lato, avvicinare gli alunni stranieri alla comprensione della lingua e della letteratura italiana, attraverso racconti di poche pagine e di facile comprensione; dall’altro, incuriosire gli alunni italiani nei confronti delle diverse culture rappresentate nel libro.
Dal sito di Intervita
Vi mostro una pagina tradotta in cinese:




Sono rimasta incantata sfogliando queste pagine, i disegni sono molto belli e ogni storia ha un suo carattere e fascino diversi, ci si ferma ammirati persino davanti alle pagine scritte con alfabeti incomprensilbili, o forse proprio più di fronte ad esse. Ho riflettuto su come mi sono sentita trovandomi davanti a qualcosa di indubitabilmente bello ed intrigante, ma totalmente incomprensibile, un'esperienza che insegna molte cose.
Ppromosso da INTERVITA ONLUS, organizzazione umanitaria internazionale impegnata in progetti di sviluppo nel Terzo Mondo, l’incasso della vendita di Ma come parli? sarà devoluto al progetto Sharadha Balangan, un’iniziativa molto speciale dedicata ai bambini di strada, minori senza casa né famiglia della città indiana di Nashik. Il prezzo di copertina di soli 3 euro vuole essere inoltre un modo per consentire a tutti i bambini di acquistare la propria copia del libro e di sostenere allo stesso tempo un progetto educativo in India.

Per informazioni potete contattare direttamente Intervita
o scrivere a questo indirizzo per informazioni sul libro.

Tornando alla campagna "Io come tu", vi segnalo il blog ufficiale dove potrete trovare tutti gli aggiornamenti in tempo reale, che saranno molti con l'imminente arrivo del 20 novembre, data in cui ricorre l'approvazione della Convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (Convention on the Rigths of the Child), ad opera dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite nel 1989.
 

Buon fine settimana!
... per i milanesi decisamente ricco di libri!

Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui
 potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la "nostra" biblioteca su aNobii.


21 commenti:

  1. Ma che splendido libro, grazie di averlo segnalato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Silvia pensavo proprio a te! Purtroppo il libro l'ho restituito da tempo e on line non ho trovato traccia dei nomi dei tradutturi! Da che mi hai sensibilizzata li indico sempre.
      Grazie!

      Elimina
  2. Grazie alla tua sensibilità si fanno sempre belle scoperte :)

    RispondiElimina
  3. Grazie alla tua sensibilità si fanno sempre scoperte interessanti :)

    RispondiElimina
  4. Bello, adoro questi libri multiculturali.

    RispondiElimina
  5. Io voglio questo libro. E voglio usarlo in classe, con i miei alunni non italofoni! Grazie mille davvero, cara.

    RispondiElimina
  6. Le tue proposte sono sempre originali e interessantissime! La prossima volta che andremo in biblioteca proverò a cercare questo libro.

    RispondiElimina
  7. Bellissima proposta, davvero! Grazie!

    RispondiElimina
  8. Non ho mai letto un tuo post sui libri che non fosse originale e intenso: questa tua segnalazione, ad esempio, è bellissima! Attualissimo e ben fatto a quanto si capisce dalle tue parole. Mano male che ci sono progetti così :-)

    RispondiElimina
  9. Che bello questo libro! Lo cercherò anch'io!

    RispondiElimina
  10. Ecco una bella iniziativa! Ti ringrazio per averla condivisa.
    Ciao!

    RispondiElimina
  11. Che bel libro che suggerisci e bella l'iniziativa di cui parli. Considerando che ormai le classi sono multietniche il libro può essere un valido strumento da leggere in aula. Lo proporrò alla maestra di mio figlio

    RispondiElimina
  12. Mi piacerebbe molto sfogliarlo, lo penderò per me più che per la bimba. E' un viaggio nelle altre culture, per arricchirsi.

    RispondiElimina
  13. Grazie a tutte!
    Vorrei specificare che questo libro è di qualche anno fa. Ho scritto per richiederlo all'indirizzo indicato sul sito di Intervita, ieri mattina, ma per ora nessuna risposta, è anche vero che ieri era venerdì, per cui spero l'indirizzo sia ancora attivo e abbiano ancora delle copie. Vi segnalo che sicuramente nel milanese è presente nelle biblioteche e penso anche altrove.

    Buon week end!

    RispondiElimina
  14. Bella scoperta del sabato pomeriggio: grazie, Cì, sempre preziosissima per queste segnalazioni.
    A domani (spero)

    Grazia

    RispondiElimina
  15. Che bello, anch'io lo voglio!

    RispondiElimina
  16. Libro molto interessante, però sia nelle biblioteche del polo Bolognese che in quelle del polo Modenese, non è presente.
    Spero tu abbia presto notizie perchè interesserebbe anche a me.
    Volevo metterlo nella bacheca di Pinterest per tenerlo presente ma non legge le tue foto, come mai?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che pure a me Pinterest non caricava le foto di questo post?? Io l'ho "fregato" salvando un'immagine su computer e caricandola successivamente su Pinterest. Poi ho provveduto ad aggiungere il link di questo post :-)

      Elimina
    2. Io invece lo riesco a caricare, ho fatto la prova prima, lo trovate nella mia raccolta http://pinterest.com/ilmondodici/la-cultura-della-differenza-nei-libri-per-bambini/

      Elimina
  17. Rieccomi: nessuna notizia.
    Oggi sono molto incasinata, appena ho un attimo provo un altro indirizzo email.

    @Mammozza ti mando in pvt un link magari hai fortuna...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aggiornamento: nessuno mi ha mai risposto. Peccato.

      Elimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...