venerdì 9 novembre 2012

Venerdì del libro: libri per imparare ad allacciarsi le stringhe

Cari amici del Venerdì del libro, 
in settimana leggendo il post di Claudia sulle doti d'autonomia richieste ai bimbi che l'anno prossimo inizieranno le elementari, pardon! primarie, mi è tornato in mente un episodio recente: eSSe un giorno zitta zitta ha recuperato un libro che ha in dotazione una stringa da legare ed è venuta a portarmi tutta fiera il suo primo fiocco allacciato da sola!
Che soddisfazione per lei e che gioia nei suoi occhi!!! :)

Era un po' che ne parlavamo, una delle paia di scarpe che metterà quest'inverno, che a lei piace davvero molto, ha le stringhe e lei si vede che ci ha pensato da quando io ho espresso delle perplessità sull'acquisto chiedendomi se avrebbe imparato ad allacciarle da sola, e ha voluto fare le sue prove per conto suo. Claudia diceva che forse le bimbe hanno più stimoli ad imparare a fare dei bei fiocchi, e forse è così davvero, la mia bimba per esempio ama giocare con le bambole e addobbarle con nastri ecc, li ama anche sui suoi vestiti ed è una precisina non indifferente! Ad ogni modo, i due libri che vi propongo sono decisamente unisex.

Il primo è un libretto che abbiamo a casa da molto tempo, recuperato in uno di quei cestoni da remainders in una libreria sul lungo mare che io tanto amo:  
Giulia ha perso la scarpa, illustato da Fabien Rypert e tradotto da Mirna J. Alcalay, editore italiano: De Agostini.




La storia, di pochissime pagine, racconta le avventure di una bimba che esce con le stringhe slacciate e questo purtroppo la farà cadere, per di più proprio con il naso sul gelato che aveva appena preso!

E' sicuramente fuori catalogo, ma vi capitasse davanti in qualche cestone non lasciatevelo sfuggire: è un libricino molto simpatico, piccolo piccolo, ideale per piccole manine, mi piace particolarmente perché in fondo ha istruzioni illustrate passo passo di come si fa l'allacciatura delle stringhe. Ho cambiato la stringa in dotazione con una più lunga, così che le piccole manine di mia figlia avessero più gioco, ed è stato un successo. Il passo passo illustrato permette una piena autonomia al piccolo curioso di allacciature. :)

Il secondo libro è del genere di quelli che mi catturano sempre, ne ho molti di questa collana e altre simili: Il libro Tuttofare 3, di Carlo A. Michelini e Niccoletta Costa, ed. La Coccinella.

Un libro molto colorato ed allegro, con tante pagine e fustellate piene di idee e attività, perfetto per questa stagione: pare che presto arriverà l'Autunno che piace meno, quello in cui le giornate si accorciano e a volte piove per tanti giorni di fila e a parte cercare delle belle pozzanghere per fare "ciaf ciaf" e cantare sotto la pioggia c'è poco da fare fuori casa, per cui una buona scorta di proposte per divertirsi in casa sono benvenute. 

Questo altro tesoro da remainders è il librone, grosso quanto un A4, voluminoso e anche pesante, che eSSe mi ha portato tutta orgogliosa a vedere: aveva chiuso con un bel fiocco la porticina in copertina. Lo ha fatto in modo molto ingegnoso (e un po' tortuoso), e questo secondo me è il bello della cosa, non voleva chiedere il mio aiuto e ha fatto tutto da sola, voleva dimostrarmi che (se vuole) sa farlo da sola :)

Sarà l'autunno che porta a fare attenzione alle piccole meraviglie della Natura, alle sfumature, al porre l'accento sulle evoluzioni, a quanto in genere abbiamo meno tempo di osservare, ma queste piccole conquiste mi riempono di emozioni. La mia piccolina cresce. E intanto cresco anche io con lei.


Un link curioso? Ecco a voi svariati laces methods, sono ammirata...

E per legarvi ancora alla lettura vi giro un gentile invito che ho ricevuto e che mi pare interessante:
L’editoria per l'infanzia volta pagina. Riflessioni e domande sul futuro del libro per l’infanzia

Ho un debole per Babalibri, l'editore di alcuni dei nostri libri preferiti, che insieme ad altri ha promosso l'evento, mi piace che siano interessati a conoscere il nostro parere di genitori e il tema mi è caro, per cui vorrei andarci (tradotto dal mammese "farò di tutto per andarci, ma non diciamolo forte che se no capita qualcosa").
Mamme blogger vicine venite?

Vi segnalo anche che in occasione della settimana del baratto alcuni strutture turistiche ospitano gratuitamente in cambio di libri: non è meraviglioso?

Per chi se lo fosse perso segnalo un consiglio di lettura cui tengo particolarmente.
Grazie per l'attenzione.

Buon fine settimana e buona festa di San Martino!


Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui
 potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la "nostra" biblioteca su aNobii.

29 commenti:

  1. Grazie davvero bei libri interessanti, anch'io stavo pensando ad insegnare a Deddè ad allacciarsi le scarpe anche se non le ha coi lacci, però dovrà imparare, e come tutte le cose per lui, devo pensarci molto prima e proporgliele molto prima di quanto sia in grado di accettarle o farle e poi aspettare (è fatto così le novità non gli garbano e se gli propongo una cosa gliela devo proporre un pò alla volta un pò prima delle tappe previste ;))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te!
      Anche io faccio così: intanto mi procuro spunti e poi li semino per casa... ;) Questi libri sono nella libreria piccola in camera di eSSe da un anno e sono in casa da ancor prima, evidentemente li ha ritrovati quando le servivano.

      Elimina
  2. Deliziosi questi due libri!
    Non avevo mai visto qualcosa di simile in giro altrimenti l'avrei acquistato quando i miei bambini si esercitavano ad allacciare le scarpe del papà. Noi avevamo invece un libro acquistato durante un viaggio negli States pieno di lucchetti, chiavistelli e serrature con cui i bambini potevano giocare ed esercitarsi. Una piccola considerazione sull'autonomia dei bambini. Qualche settimana fa dovevamo acquistare le nuove scarpe da ginnastica per Tommaso (10 anni) ma tra le scarpe adatte per la misura del suo piede quasi tutte avevano gli strappi. La commessa ci ha spiegato che sono davvero pochi i bambini che si sanno allacciare le scarpe. :(
    Ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Michela, hai ragione è così. eSSe punta ad allacciare i suoi stivaletti nuovi col pelo dentro ;) che hanno le stringhe, anche se lei non ha capito che in realtà a lato c'è una cerniera e i lacci sono puramente di decoro, una volta che li hai regolati non li devi slacciare più. E' vero che il velcro è comodo (se penso che lei dai due anni e mezzo di mette le scarpe da sola...), ma effettivamente è un buon esempio di come noi adulti diamo input contrastanti: li vogliamo "autonomi" (già un controsenso, autonomia significa capacità di normarsi da soli e non si può insegnare, ci arriva ognuno con i suoi tempi), ma poi li trattiamo dando per scontato che non lo possano essere.

      Da rifletterci.

      Elimina
  3. Mannaggia Cì oggi hai realizzato un post molto ricco!
    Intanto mi annoto il link al sito per le allacciature, alcune sono veramente originali e quell'idea di ospitare in cambio di libri è da tenere sotto'occhio, assolutamente.

    Il libro tuttofare l'ho inserito nella lista dei regali di Natale (è presto, lo so.....), di quella serie ne ho altri, girano in famiglia tra figli e nipoti e sono sempre di ottima qualità. Questo andrà alla nipote più piccola!
    alessandra
    p.s. oggi ancora non posto per il venerdì, ho un problema grossissimo con la scuola della belvettan.1 e la testa è solo là :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Alessandra, ovviamente la testa e il cuore vanno dove è più importante - e ti mando i miei pensieri positivi perchè tutto si risolva -, per il vdl c'è sempre tempo :)

      Anche io ne ho più copie nella "scatola dei regali", non ho ben deciso se li cederò a Babbo Natale per eSSe o li terrò buoni per regali futuri, vedremo... :) Intanto quando li ho visti superscontati li ho presi li adocchiavo persino prima di aver figli questi libri, è il genere che avrei adorato da bambina :)

      Grazie!

      Elimina
  4. Come sempre i tuoi post sono ricchi di spunti.
    Con calma questo we mi leggerò tutti i link che hai segnalato.

    In un mercatino dell'usato ho trovato il tuttofare nr. 6, pur se incompleto è stupendo ed è tutto incentrato sulla musica!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Robin, grazie!
      re: Vedi sopra :)
      vedo che sono in buona compagnia, anche io amo (anche) i mercatini dell'usato :)

      Elimina
  5. Quanti input ci dai oggi, vado a vedere i link che ci indichi, mi incuriosiscono le modifiche sull'editoria dei libri per l'infanzia. Ciambella ancora non sa allacciarsi le scarpe, ma li segno per quando sarà il tempo di insegnarglielo, adorabili queste tue proposte!Mi ricordo quando imparai ad allacciarle io e mi sentivo veramente grande, è un passo importante, una grande conquista personale sull'autonomia. Buon weekend!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Federica, anche a me.
      Hai ragione, sai che anche io lo ricordo? :)

      Elimina
    2. e buon W-E. anche a te!

      Elimina
  6. Lo sai che mi dispiace un po che in casa mia non si vedono più questi bellissimi libri?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. immagino. Ieri rioridinando guardavo i librini tattili e avevo nostalgia... :) La cosa bella è che per ogni età ci sono libri bellissimi.

      Elimina
  7. Ho in casa un telaietto per le allacciatura delle scarpe che il primo non si è mai filato, magari lo userà il piccolo.

    Pure io ho scovato un tuttofare al banchetto di libri usati, è stato un vero affare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A volte ai mercatini dell'usato si trovano dei libri bellissimi a prezzi risibili, io mi stupisco ogni volta!

      Elimina
  8. Grazie per la citazione Cì e grazie per le proposte che sul tuo blog sono sempre super interessanti. Carino il libro con i lacci e ancora di più l'altro. Sai che pure noi ne abbiamo una di quella serie? E' Libro tuttofare 6
    E sai chi ce lo ha regalato? Paola!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :)
      pensa che io ero convinta di averne già recensito uno, sono uno più interessante dell'altro!
      e brava Paola... :)

      Elimina
  9. Il primo libro i miei bimbi lo hanno avuto a scuola... Il secondo sono certa che farebbe furore qui da me... dovrei procurarmelo per fare una prova!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai? che bello! :)
      Sono molto belli Stefania, prova e non rimarrai delusa

      Elimina
  10. Che bei consigli! Davvero è sempre un piacere leggerti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Palmy, sei molto gentile e vale il viceversa! :)

      Elimina
  11. Com'è grande eSSe... Quanti consigli in un solo post, sto navigando nei link e ne ho già un po' dei tui messi da parte, da leggere con calma.. Purtroppo all'evento di Milano non posso partecipare, ma se trovi qualcosa un pochino più a sud ci potremmo provare!! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai visto Jessica come cresce? :O
      Mi spiace ma ci saranno altre occasioni :) e poi la tua città mi piace un sacco, per cui... Ricambio l'abbraccio!

      Elimina
  12. Molto carini questi libercoli. In Germania ne avevo comprati diversi, perché i tedeschi hanno una passione per le stringhe collegate a diversi temi. E poi sono felice di vedere un libro che inviti ad imparare senza costringere morbosamente i figli ad allacciarsi le scarpe, come ho visto un giorno fare ad una madre in un negozio di scarpe, dove insisteva che il figlio (4 anni) dovesse avere scarpe con stringhe per imparare ad allacciarsi le scarpe e diventare autonomo... L'autonomizzazione avviene in tanti modi e se può avvenire assecondando inclinazioni e desideri, meglio ancora; non so... l'autonomizzazione "coatta" forse produce un risultato immediato sul fare... ma sull'essere? Va be', forse sono andata fuori tema e sicuramente non mi sarò spiegata, ma trovo che questi libercoli aiutino senza costringere... ;) giocando, e si sa che il gioco, nei bambini, è la palestra ideale per l'apprendimento...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sapevo di questa passione tedesca noi ci siamo stati solo un mesetto, ma ho colto un grandissimo interesse per l'infanzia.

      Non sei fuori tema, non a caso c'è la parola chiave "autonomia", che come ho già detto significa conquista del giovane individuo, se no che autonomia è? :)

      Vedo anche io dei paradossi a volte e li inquadro nella paura che le mamme e i papà a volte hanno di non avere abbastanza competenza materna o dalla spinta forte a mettersi in concorrenza con i figli degli altri che son sempre perfetti (come diceva anche Paola :) ricordandoci che non ci sono bambini perfetti..). Altre volte è mancanza di sensibilità, forse, o aver conosciuto nell'infanzia e interiorizzato in modo acritico approcci simili, ma per fortuna genitori si cresce :) Io imparo un sacco di cose nuove ogni giorno.

      Come sempre un libro anche molto semplice porta lontano. Viva le letture e gli scambi di idee! :)

      Elimina
  13. Con le stringhe hai ridestato un ricordo antico: io che imparo a farmi i fiocchi sulle amate polacchine blu. Bellissime idee, bellissimi libri!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sa che li avevamo uguali :)
      Grazie! buon fine settimana

      Elimina
  14. Noi ancora non siamo riusciti a infiocchetare le scarpe nonostante i vari lavoretti che abbiamo realizzato insieme. Si vede che non è ancora il momento. Grazie per i suggerimenti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Saggia valutazione. Anche io non insisto mai, ogni bimbo ha i suoi tempi e ho notato che quando non interferisco quando è il momento quella certa abilità improvvisamente arriva :) come è successo in questo caso.

      Grazie della visita, ciao!

      Elimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...