venerdì 1 febbraio 2013

Tutto sulla mia Madre, Cassandra

Come resistere ad un'iniziativa che ha un nome e un logo così?


Normalmente pubblico al massimo un post al giorno, ma riesco a partecipare solo in chiusura: domani è infatti il Pasta Madre day 2013! E quindi, rieccomi per Tutto sulla mia Madre che invita a presentare le nostre "PM" e condividere i nostri trucchi, per aiutare i neofiti.


In realtà lo sono anche io :) e vi ho già presentato Cassandra, la mia giovane Pasta Madre, spiegando il mio percorso, le mie fonti, le mie prime esperienze ed impressioni. Mi rilinko perchè in questi giorni ho veramente scritto tanto (troppo?)... e aggiungo solo cosa direi ad un ipotetico genitore affidatario di una sorellina della mia PM.


Eccola, si chiama Cassandra, e nasce per portare nel mondo verità importanti, come che volere è potere: potrai fare in casa il pane che preferisci, esattamente come vuoi tu, ci vorranno pratica, metodo - almeno all'inizio - e amore, ma alla fine verrà; ma anche lievi, come i lievitati che farà crescere appena la metterai alla prova, la felicità per i primi risultati, i profumi che pervaderanno la tua casa.

Scegli un nome per lei e segna la data del suo arrivo in casa vostra, così potrai vedere come crescete insieme, e tener traccia di tutte le vostre esperienze, è una madre, ma sarà un po' anche tua figlia.

Per prima cosa portala nella tua cucina e falla conoscere alla tua famiglia, così si ambienterà e farà amicizia presto con tutti, specie con i bambini, se ne hai di tuoi o hai qualche cuginetto o nipotino (anche acquisito) curioso, cui potrai raccontare tutto su di lei: la fermentazione, il suo cibarsi di farina e acqua, e via dicendo. ...o magari un membro della famiglia peloso e curioso :) (meglio tenerla ben coperta sempre in quel caso quando non è in frigo o a riposare nel forno spento).
Potrà soddisfare i palati di tutta la famiglia e dar tangibilità ai loro sogni o ricordi, animare serate, fungere da confort food. 


Prenditene cura con fiducia, è giovane ma è già molto in gamba!
Se la accudirai con amore ti restituirà favolose focacce, pani morbidi, pizze allegre.

pane con farina 0 e di farro bianca
pane con farina 0 e di farro bianca


pane con farina 0 e di farro bianca
pane con farina 0 e di farro bianca

All'inizio leggi e documentati molto, occorrerà fare delle scelte: pasta madre solida, o liquida, o una via di mezzo come la mia?

Poi soprattutto segui l'istinto, la PM è viva!
E genera vita, meravigliose bollicine, lievitati che hanno cuore e anima se li lavori con amore e portano tanta gioia nelle case (e negli stomaci ;))

Sperimenta con le farine, alternale per i rinfreschi, ma sceglile sempre di qualità, io ho sempre usato quelle biologiche e non utilizzo quelle troppo impoverite. Se ti organizzi potrai comprarle direttamente da un mulino e spendere meno di quel che pensi.

pane con farina 0 e di segale
pane con farina 0 e di segale

Crea con fantasia i tuoi impasti, con farine e tecniche diverse, fa tesoro delle esperienze degli altri e condividi le tue. Trova il tuo feeling con la tua PM e consuma i suoi frutti con misura, perchè i lievitati sono stupendi ma non voglio esser complice della tua di lievitazione ;)

Se dovesse ammalarsi la potrai curare, non decretarne la fine precoce se si dovesse inacidire ma chiedi consiglio su come guarirla, e non lasciarla morire per abbandono, piuttosto regalala a qualche nuovo genitore affidatario, o surgelala (sì, pare si possa) se devi stare via da casa a lungo e non la puoi portare con te. E nel caso morisse davvero prova a recuperare qualcuna delle sue sorelle, ché come dicono le esperte "lo spaccio serve per quello".

Tutti i miei post sulla Pasta Madre, dalla partenza al panettone! :)





10 commenti:

  1. Io diventerei la mamma contessa Ugolina. Ci ho provato in passato ed e' resistita anche qualche mese poi l'ho persa...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Daniela, accidenti! Povera PM! :)
      Se vuoi domani è il pasta madre day e magari incontrerai in qualche piazza vicino a te uno spacciatore, potresti riprovare... nella tua zona, io lo so bene ;)
      ciao!

      Elimina
  2. Un post troppo carino! Cassandra mi piace, hai scelto un nome adattissimo ;-)

    RispondiElimina
  3. io non mangio pane, quasi mai.
    un peccato, quando vedo queste cose, veramente.
    un bacio :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo so e ti direi che fai davvero bene: noi tutti mangiamo troppe farine, troppi carboidrati, troppi cibi cotti! Io ne mangiavo molto poco, disgustata dall'atteggiamento strafottente di alcuni panificatori, ora che me lo faccio con la PM ammetto che ne mangiamo un po' di più, ma quasi sempre c'è la farina di segale nei miei impasti, o di farro, mai la 00, ma so che a regime dovrò ridurre la produzione e so che verrà spontanemente specie con l'arrivo del caldo :) Questa però è per me la fase della scoperta e me la sto godendo ;)

      Elimina
  4. :-) Ciao Cassandra, Gilda ti saluta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gilda è la zia virtuale di Cassandra, perchè io ho imparato quasi tutto da voi (tu e la Gilda ;) )! :)

      Elimina
  5. Poesia e praticità, grazie infinite <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te cara, per i tanti stimoli.

      Elimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...