venerdì 19 aprile 2013

Libri: un semino come me e Vandana Shiva

Cari amici  del Venerdì del libro, oggi torno a parlarvi di libri per bambini con

Un semino come me
Sceneggiatura di Anna Matarese, disegni di Claudia Polizzi, per Becco Giallo, Critical Kids

È primavera, e un semino di pomodoro, dopo aver trascorso comodamente l’inverno dentro a un barattolo, comincia un viaggio nella vita. L’acqua e il sole stimoleranno il suo risveglio, e sarà la terra, con i suoi piccoli e simpatici abitanti, ad accoglierlo e a fornirgli il nutrimento necessario per fargli mettere radici e crescere sano e forte nel mondo. (dalla scheda dell'editore)


Un libro che parla di  biodiversità, di agricoltura, di educazione al gusto, di orto in casa, così viene descritto nella scheda, tutti temi a me cari, ma in realtà questo libro è stato acquistato, qualche mese fa in occasione di una visita al book shop di un museo, perchè mi ha attirato per prima cosa graficamente e una volta sfogliato ed esaminato con più attenzione mi è piaciuto molto anche il contenuto.

Un insieme molto ben equilibrato mi ha convinta.
Un formato ne' grande, ne' piccolo, quasi quadrato, circa 20, per poco più, le pagine in cartone leggero, forti per resistere anche alle piccole manine, o magari a quelle sporche di giovani esploratori dell'orto (anche sul balcone...), ma anche al piacere di chi sfoglia un libro che esprime vigore.
La storiella del semino è ben studiata per appassionare i più piccoli, è didattica (anche per noi adulti) ma divertente perchè è in rima e i disegni sono davvero simpatici (da questo link potrete sfogliare qualche pagina cliccando sull'immagine piccola sotto la copertina). Oltre alla storia nel libro ci sono altre cose molto interessanti nelle ultime pagine. Una vera scheda, precisa e dettagliata, che spiega in modo semplice ed accessibile per un bambino anche piccolo, come far crescere i propri semini; un paio di ricette, semplici ma buonissime; ed infine, la chiccha: una bustina di semi bio. 

Lo trovo adatto dai 2 anni e mezzo o 3 anni in avanti, fino ai 10 magari, ma è una lettura piacevole anche per il genitore-lettore.

A posteriori mi sono resa conto che dentro e dietro ad un libro così ci sono mondi interi.

C'è un'attenzione ai piccoli dettagli che mi ha colpita come la serenità e la vita che esce dalle pagine.
Eppure parliamo indirettamente di temi delicati ed importanti.

L'editore cita la figura di riferimento di chi si oppone ad un certo modo di snaturare l'agricoltura:

“I semi sono il primo passo per la sicurezza del cibo, e non c’è sicurezza del cibo se i semi sono nelle mani degli industriali e non dei contadini.” Vandana Shiva,

Si tratta della teorica più nota dell’ecologia sociale, fautrice dei primi accordi internazionali per la protezione della biodiversità e la repressione della biopirateria, e di recente protagonista di uno scambio piuttosto acceso. E' decisamente interessante approfondire, perchè quel che arriva ai mass media come sempre non è che la punta di un iceberg e le riflessioni che ne possono scaturire portano davvero lontano.

Curiosità: nella blogosfera c'è chi la conosciuta e, tra l'altro, appartiene al mondo [dei libri] di cui parliamo ogni venerdì.

Edit: nei giorni successivi alla pubblicazione di questo post ho trovato decine di articoli in cui si citava Vandana Shiva, nel bene e nel male, voglio linkarvi anche questo per completezza di informazione. Non condivido sempre il punto di vista di Bressanini (per esempio quando dice che tra un uovo bio, di una gallina che ha vissuto ed è stata nutrita oggettivamente meglio e uno "qualsiasi" ma più fresco non ha dubbi e preferisce il più fresco, e io non posso che dissentire!), ma apprezzo molto i suoi articoli scientifici e il suo citare sempre le fonti (attendibili).


E tutto questo a partire da un semino...


Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui
 potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.

 

21 commenti:

  1. Che bella novità! Un libro che oltre ad essere interessante e carino in più regala anche una bustina di semini lo trovo delizioso!
    Una proposta proprio in linea con il tuo modo di essere, carissima Cì: brava, mi piace!

    Qui oggi dopo molto sole inizia a vedersi un pò di annuvolamento....chissà il fine settimana :-( però è primavera, dai!
    Baci!

    RispondiElimina
  2. Ciao! Grazie del suggerimento: sembra davvero un libro per noi! Ti abbraccio! Noemi.

    RispondiElimina
  3. Bellissima segnalazione.
    Mio figlio vede le verdure che crescono nell'orto del nonno ma mi piacerebbe che approfondisse l'argomento in modo divertente ma ben strutturato, come in questo libro.
    Per i bambini di città è importante capire bene da dove arriva il cibo e apprezzarne le qualità naturali, per scegliere più consapevolmente di quanto abbia fatto io stessa per molto tempo.

    RispondiElimina
  4. Come sempre, grazie per le tue dritte sempre tanto interessanti. Se fossimo tutti un po' più attenti a quello che mangiamo, da dove proviene e come viene coltivato/allevato, il mondo e la nostra salute sarebbero migliori.
    PS sono alla ricerca di ricette di dolci/pane senza lievito e senza zuccheri, perché soffro di una brutta candidosi e non posso mangiare cibi con muffe, lieviti e zuccheri... Sapresti propormi qualcosa?
    Baci
    Elli

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elli, ieri ero di fretta.
      re ps:
      capisco (ho conosciuto il problema).
      Nella mia sezione dolci trovi quasi sempre dolci senza zucchero, ma con derivati di frutta in sostituzione, e anche con farine non raffinate (giova molto non usarne). In più senza lieviti ti segnalo (ovvero se li vedi indicati puoi ometterli e viene ugualmente bene la ricetta):
      - tutte le crepes

      - i brownies al cioccolato (sostituisci
      pari pari lo zucchero con il concentrato di dattero e mettici un po' di
      uvette e ometti il lievito o se non ti da fastidio metti solo un po' di
      bicarbonato: monta gli ingredienti con la frusta e verrà bene comunque,
      è un dolce basso di suo)

      - puoi ricavare la ricetta per la frolla base dalla ricetta di questi

      biscotti

      (c'è un po' di zucchero magari in futuro pubblico la versione ritarata con il concentrato di datteri e le uvette, ma se tu sei pratica vai in quella direzione, viene benissimo)

      ...e ho in calendario un paio di altri dolci senza bicarbonato e con i soli zuccheri naturali.

      ciao!

      Elimina
  5. mio, mio, mio: noi tra orto piccolino ma produttivo del babbo e un gioco che ci hanno regalato per Natale per fare i piccoli botanici, credo che se leggiamo questo avremo prima o poi il pollice verde!

    RispondiElimina
  6. Bellissimo, lo regalai alla mia nipotina tempo fa...un successo!
    Un caro abbraccio

    RispondiElimina
  7. Grazie a tutti!
    Siete sempre molto carini nei commenti.

    @Marzia: prima sfoglialo tu, non vorrei vista la particolare sensibilità di tuo figlio che lo prendesse per un libro per bambini "piccoli". In realtà secondo me ha un contenuto che è perfettamente adatto a tutto il ciclo delle elementari (so che va molto "l'orto della scuola" con annessi lab di scienze, ecc) ma i disegni sono sicuramente infantili. A me personalmente è piaciuto molto, ma a mio cuginetto, molto simile al tuo A., esigentissimo e coetaneo, lo regalerei solo dopo averlo fatto vagliare alla sua mamma.

    Un sereno week end a tutti!

    RispondiElimina
  8. Decisamente un libro che fa per noi! Grazie di averne parlato, non conoscevo la casa editrice che ho scoperto essere della mia zona: penso proprio che lo ordinerò magari assieme ad un altro paio di libri che mi sembrano interessanti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già la collana, Crical Kids, ha un nome che promette bene. Contenta di esser stata utile! ciao!

      Elimina
  9. Mia mamma ha un bell'orto e d'estate mangiamo i suoi preziosi frutti! Sofia ed Emma adorano andare in orto con la nonna quindi il tuo suggerimento è capitato proprio al momento giusto!!! Un grazie immenso! Buon we baci

    RispondiElimina
  10. Illustrazioni minimali e comunicative. Il tema dell'orto lo abbiamo toccato spesso avendone uno sotto casa!
    Questo però non l'ho mai sfogliato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' carino, secondo me vi può piacere, e forse lo trovi in biblio.

      Elimina
  11. Proprio l'altro giorno ho accompagnato una mia classe a un convegno organizzato da un collega che ha sparato ad alzo zero contro Vandana Shiva: per fortuna che i Maculati si sono ben resi conto di chi diceva cosa, ma sono rimasta davvero male.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai, è facile darle dell'ingenua e criticarla per alcune scelte, mentre è difficile capire fino in fondo la sua posizione senza conoscere bene i termini delle questioni in esame - complicatissime - e anche la sua matrice culturale. Tanto di cappello ai Maculati e a te per l'ottima semina di spirito critico.
      ciao.

      Elimina
  12. Grazie Cì per l'accurata recensione al "semino". Il tuo blog è una bellissima scoperta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Anna, è un onore vedere un commento dell'autrice del libro che si recensisce. E grazie per i complimenti!

      Elimina
  13. Ma come è carino questo libricino sui semini! Mi sembra davvero ricco di spunti interessanti, e in più l'idea della bustina di semini per scoprire con mano, e seguire dal vivo il percorso di un semino è fortissima!
    :)

    RispondiElimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...