venerdì 25 maggio 2012

Libri: la furia di Banshee

Cari amici del Venerdì del libro,
questa settimana vorrei continuare a parlare di emozioni, il libro di oggi è una vera chicca, o almeno è uno  degli albi illustrati che più mi hanno colpita.

Un volume di grande formato, copertina rigida e meravigliosa graficamente, è un'idea regalo perfetta (anche per se', ovviamente ;) ), infatti è entrato in casa nostra perchè cercavo un regalo per un'amica (lei, più che sua figlia...).

Sono andata dal libraio di fiducia e ho notato subito La furia di Bansheee Jean-François Chabas disegni: David Sala e alla fine ne ho acquistate due copie ;)

La Banshee, ci dice l'autore,

è la più potente delle fate, signora delle magie, dei sortilegi, di tutte le meraviglie. Nessun uomo, neppure un druido può lottare contro i suoi poteri. 

è uno spirito femminile, dice wikipedia (anche se è decisamente più ricca la pagina in inglese, che ne spiega meglio la natura), una figura magica. Sarà nota sicuramente agli amanti del fantasy, ai conoscitori del folclore americano, o agli esperti di tradizioni irlandesi e scozzesi, ma questa banshee in realtà ha attirato la mia attenzione per altri motivi.

Le immagini mi hanno catturata fin dalla copertina, ho subito pensato ai dipinti di Klimt e anche notato l'intensità della storia.



La piccola fata cammina scontenta e scatena gli elementi, in un crescendo di rabbia che cerca un canale di espressione. Il mondo degli umani viene sconvolto dalla sua collera e fino alla fine non se ne capirà il motivo, ma l'arrivo della sua mamma placherà la sua furia. In fondo la bimba stava solo cercando la sua attenzione.

E' un racconto molto simbolico, si possono cogliere istantanee della vita che ci circonda (o è dentro di noi). Mi ha molto colpita. I disegni sono pieni di luce ed energia, i messaggi non immediati, non banali, da scoprire pagina per pagina.
La classificazione "libro per ragazzi" è decisamente riduttiva in questo caso e il libro si presta davvero a diversi piani di lettura. Escludiamo per una volta i piccolissimi (direi no sotto i tre / quattro anni) perchè le immagini sono molto intense, alcune inquietanti, lo sguardo della banshee è davvero spaventoso a volte, la narrazione ha dei passaggi che potrebbero turbare. Il target principale penso siano i frequentatori delle scuole primarie, cui fa sempre bene parlare di emozioni forti, ma da adulta lo trovo molto interessante da sfogliare perchè mi fa riflettere sulla potenzialità distruttiva delle emozioni negative e sul nostro ruolo di adulti. Non ultimo perchè le illustrazioni sono davvero notevoli.

Vi segnalo che l'edizione originale è in francese, per chi preferisse questa lingua.


Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui
 potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la nostra biblioteca su aNobii  


Arrivederci al prossimo appuntamento!  

34 commenti:

  1. Sono rimasta affascinata dal tuo racconto!
    Il libro dev'essere veramente bellissimo. Scopro veramente tanti bei libri con questa iniziativa di homemademamma.
    Buon we
    Moni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' sì un libro molto affascinante. Hai ragione il VdL è una rubrica davvero utile, foriera di consigli di lettura preziosissimi. ciao!

      Elimina
  2. Questo libro mi piace moltissimo. Lo voglio cercare. E forse lo regalo proprio a me.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me ti piacerà molto. Considera che la seconda copia nel nostro caso, l'ho acquistata proprio per me! :) (e, io, maniaca di catalogazione negli scaffali, ieri meditavo di spostarlo nella zona dei libri d'arte, vicino ad una monografia su Klimt, anche se starebbe bene anche vicino ai libri di psicologia... )
      ciao!

      Elimina
  3. Inutile dirti che questo libro fa per noi, per tante ragioni. Credo sia il momento di fare un pò di acquisti ... del resto le vacanze sono alle porte e qualche bella lettura non può che fare bene. Grazie come sempre!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te. Sono sicura che vi piacerà, a tutti voi. Ognuno ha in se' una piccola Banshee, io lo sfoglio quando sono inquieta e alla fine realizzo che a tutto c'è rimedio, e non bisogna opporsi a quello che si ha dentro, il difficile è imparare ad accoglierlo. Per voi che lavorate a lungo su questi temi potrebbe essere un libro interessante.

      Elimina
  4. Cì... lo so che non c'entra nulla, ma quella "piccola fata cammina scontenta e scatena gli elementi, in un crescendo di rabbia che cerca un canale di espressione. Il mondo degli umani viene sconvolto dalla sua collera [...]" mi fa venire in mente per associazione il vecchietto di Up (non so se hai presente la pellicola a cui mi riferisco) e proprio ieri cercavo di spiegare ad Alice che a volte incontriamo persone, bambini e adulti, che ci sembrano scorbutici, cattivi, in realtà sono scontenti, arrabbiati, tristi... e non sanno essere diversi...
    Sebbene il libro racconti qualcosa di diverso, credo che sia un ottimo libro per non giudicare le persone solo per quello che fanno, ma anche per cercare di capire perché lo fanno, perché talvolta potremmo aiutarle... grazie. Il tuo VdL mi fa sentire piccola piccola e con tanto ancora da imparare. Un abbracio virtuale, moni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Monica, a me è piaciuto molto anche il tuo commento! Direi che non sei poi così "piccola"!! ^_^
      Loretta

      Elimina
    2. Siamo in tanti a sentirci piccoli piccoli :)
      Non conosco Up, mea culpa - non sei la prima che me ne parla, poi rimando sempre di cercarlo... - ma il tuo commento è assolutamente pertinente, il libro è anche su questo: la Banshee sembra cattivissima, fa cose terribili, invece pagina dopo pagina si capirà che aveva dentro una rabbia troppo difficile da gestire per lei. Hai ragione, molti non hanno gli strumenti, dovremmo sempre ricordarcene, ma non è facile.

      Mille volte abbiamo letto (condiviso, sentito nostro, ecc ecc) che non si dovrebbe mai criticare una bambino (estendibile però a qualsiasi persona di qualsiasi età) ma solo i suoi comportamenti, e invece nel momento che un comportamento ci ferisce siamo pronti a giudicare, etichettare, reagire male. Siamo umani: l'empatia è uno strumento (una risorsa) che prevede equilibrio per essere messa in atto, se un sentimento ci parla di un disagio non abbiamo modo di esercitarla finchè non lo abbiamo ascoltato, ma poi sì :) e si può tendere una mano.

      Stai mostrando ad Alice un sentiero luminoso, il resto della strada te la illuminerà lei... (e ha ragione MF :) )

      ciao!

      Elimina
    3. dimenticavo una cosa importante: GRAZIE Monica!

      Elimina
  5. Ciao Cì, come consigli tu, queste emozioni forti sono ancora fuori dal nostro orizzonte ...ma sono contenta di poterlo annotare per quando Bibì sarà più grande perchè penso che sia importantissimo avere uno specchio per riflettere sulle proprie emozioni, specialmente quelle più difficili e oscure... Grazie!

    RispondiElimina
  6. L'ho visto in libreria, adesso penso che correrò ad acciuffarlo ;)!
    Ciao e buon fine settimana!

    RispondiElimina
  7. questo libro l'ho già incontrato in rete, all'iniiiiizio. è un segno. magia.

    RispondiElimina
  8. Bello il tema ma anche la realizzazione. Grazie della segnalazione.
    Vorrei approfittare inoltre per invitarti lunedì 28 a Love of learning, che questa volta ha come tema "imparare viaggiando", ti aspetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un invito a nozze, spero di farcela!

      Elimina
  9. Molto suggestivo per le illustrazioni! Io per oggi parlo di un libro che mi hai consigliato tu!;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto, dopo passo a ringraziarti :) intanto lo faccio qui: sono molto contenta che ti sia piaciuto, la tua recensione mi ha reso molto felice, grazie! :)

      Elimina
  10. Le illustrazioni sono davvero magnifiche. Ottima l'idea di regalarlo.

    RispondiElimina
  11. Non conoscevo affatto la storia di Banshee!
    è davvero bello scoprire questi libri così intensi e profondi!

    anche a me la copertina ricorda molto Klimt!

    grazie!
    buon we
    Cinzia

    RispondiElimina
  12. Pensa che mi è capitato tra le mani la scorsa settimana, in biblioteca... Devo ammettere, però, di non avergli dato l'importanza che merita. Me ne rendo conto solo ora, dopo aver letto la tua bellissima recensione... Ora so che c'è in biblioteca, me lo procurerò presto.

    RispondiElimina
  13. Ma quante ne sai!!? E perché sono finiti gli sconti??? Lo voglio per me, per le mie "emozioni forti". Troppo forti, a volte...
    Loretta

    RispondiElimina
  14. Ma quante ne sai?!!
    E perché sono terminati gli sconti???
    Lo voglio per me, per le mie "emozioni forti".
    Troppo forti, a volte...
    Grazie.
    Loretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. i bookshop da cui mi servo on line offrivano sconti speciali fino a qualche ora fa, ma ci saranno altre occasioni :)

      Elimina
    2. Si, infatti mi riferivo proprio a quelli! ;-) Sono finiti i bei tempi dei super sconti!! :-(

      Elimina
    3. ...e quasi quasi lo prendo in lingua originale! ;-)))

      Elimina
  15. @ tutti: è un libro che a me è piaciuto molto.
    Sono contenta di sapere che sia presente in alcuni biblioteche e librerie perchè avevo paura finisse come molti bei libri fuori catalogo e dimenticato. Anche se eSSe ne rivendica la proprietà (oggi ho tentato di spostarlo dalla sua alla mia libreria, e si è lamentata del "furto", la Banshee sotto sotto le è simpatica e non le fa affatto paura), io lo considero uno di quei libri che possono affascinare molto un adulto (non necessariamente genitore o insegnante, lo specifico, questo non è "solo" un mommy blog ;) ) e riflettere sulle emozioni fa bene ad ogni età.

    ciao!

    RispondiElimina
  16. Un libro speciale, dunque :-) per ciò che narra, per come lo narra, per le illustrazioni, per il messaggio...e per la bella e coinvolgente recensione tua, cara Cì ;-)
    Proprio una bella cosa, insomma. Lo tengo da conto per il futuro o per un dono...speciale!
    Baci!
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maris,
      sei sempre cara :)
      a me è molto piaciuto, sicuramente è un libro che colpisce. ciao!

      Elimina
  17. Queste illustrazioni klimtiane mi piacciono tantissimo: e il tuo modo di raccontare questo libro non può che farmi pensare "lo voglio"! Tutti i libri che narrano emozioni non mi lasciano mai indifferente :-)

    Proverò prima in biblioteca, mi piace poterlo "sperimentatre" su di me o su mio figlio prima dell'acquisto.

    Buona settimana

    Grazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è la soluzione migliore avendono una ben fornita vicina. La nostra è ben fornita ma ha orari un po' scomodi e soprattutto ha davanti il parco giochi più bello e grande della zona! Mi è difficilissimo entrarci... ;)

      Elimina
  18. Molto bello il tema di questo libro! E poi le illustrazioni sono davvero stupende!

    RispondiElimina
  19. Mi piace molto questa segnalazione, grazie!

    RispondiElimina

Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
Commenti anonimi momentaneamente sospesi causa spam. Per i commenti ai post più datati c'è la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...