venerdì 24 maggio 2013

Libri: Alice cascherina

Cari amici del Venerdì del libro oggi voglio parlarvi di uno dei nostri libri tascabili da viaggio:

Alice cascherina, di Gianni Rodari, illustrato da Temporin Elena
La prima delle otto favolette di alice uscite dalla penna di Rodari, apparsa sul Corriere dei Piccoli nel 1961 ed entrata a far parte nel 1962 della raccolta di Favole al telefono. Per il gusto di andare a curiosare dappertutto, la piccola Alice Cascherina, cade nei posti più impensati. Cade nella sveglia, nella bottiglia, e nel fondo dei cassetti, nel taschino del papà. Per fortuna riesce sempre a salvarsi...  (fonte)

Ho scoperto questo libro proprio in questa rubrica e ci è subito sembrata molto simpatica. Le figure in questa edizione sono allegre e colorate, il testo racconta di una bimba molto curiosa e un po' distratta, di genitori che non si capacitano e di nonni che la cercano, lamentandosi che i bimbi di una volta al massimo cadevano dal letto, ma alla fine sono tutti prodighi di baci e abbracci.
Forse il messaggio è che la fantasia dei bambini non deve avere un limite, che la naturale curiosità e voglia di sperimentare dei più piccoli non va censurata, mentre gli adulti devono restare all'erta, pronti a salvare il piccolo che si è smarrito e offrire tanto tanto affetto e sicurezza.

E i vostri bimbi cadono come Alice?
Magari cadono in qualche libro affascinante ;) l'importante è che non cadano dal seggiolino dell'auto... :)
Approfitto per invitarvi a partecipare alla seconda tappa della campagna "Noi viaggiamo sicuri", molto giocosa ed accogliente, almeno nei nostri intenti, aspettiamo i vostri contributi!


Gli altri Venerdì del libro sul mio blog sono qui.
Qui
 potrete trovare quelli di Homemademamma che ha avuto questa meravigliosa idea, l'elenco dei blog che aderiscono all'iniziativa e le istruzioni per partecipare.
E non dimenticate la "nostra" biblioteca su aNobii.

14 commenti:

  1. Anche noi siamo "cascate" in questo libro recentemente! Alla mia Cucciola è piaciuto. Ha lo stesso nome della protagonista del libro e forse si è immedesimata
    Ciao Moni

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia: Gianni Rodari tutto!

    RispondiElimina
  3. Mia mamma mi ha appena prestato i libri di Rodari che ci leggeva da piccoli, proprio perché D. cade spessissimo e gli volevo leggere di Alice :)

    RispondiElimina
  4. E' anche uno dei nostri preferiti!

    RispondiElimina
  5. ROdari è una garanzia! Non rammentavola favola di Alice cascherina ma ora che ho letto questo post mi è riaffiorato un ricordo dell'infanzia....che tenerezza :-)
    Ho letto della seocnda fase di NOi viaggiamo sicuri, vedrò meglio cosa posso fare in proposito...la monella non sempre è propensa ad essere coinvolta in attività di disegno (quasi mai, a dire il vero, è il suo limite grosso in questo periodo) ma se riesco poi documento, ok?
    Buon weekend!

    RispondiElimina
  6. Questo libro lo devo comprare!!! A Fede piacciono le favole di Rodari e anche a me!!! Alice cascherina era il mio personaggio preferito!

    RispondiElimina
  7. Abbiamo trovato questo libro in biblioteca... la storia era già nota alla mia Alice, l'avevano letta a scuola e inoltre l'estate scorsa avevamo letto quasi tutte le favole al telefono. Anche a noi è piaciuta l'idea di farne un librino singolo e anche le immagini sono molto belle!
    Mi piacerebbe proprio partecipare alla campagna "Noi viaggiamo sicuri"... sono però in un periodo un po' pieno... vediamo cosa riusciamo a fare...

    RispondiElimina
  8. Grazie a tutti! :)

    @Maris, forse mi sono espressa male :) intendevo che ognuno, grande e/o piccolo (se ha voglia, se è in grado, se ha l'età e la pazienza), si può fare il suo disegnino, pensando però che dovrò parlare ai bambini che lo troveranno. Per questo parlavo di farlo fare "al bambino che è in noi" :)

    @Daria ti capisco e non preoccuparti: il progetto non ha scadenze per questo, io per esempio prevedo di lasciare innesti in giro per il mondo tutta l'estate ;) esattamente come ho fatto gli anni scorsi, solo che quest'anno mi sono data un tema! :)

    ciao a tutti!

    RispondiElimina
  9. Anche noi lo abbiamo letto e lo rileggiamo di tanto in tanto. Ora alice non chiede più: Ma davvero si può cadere nella torta? Però ride e si diverte. E' una palestra per la fantasia e come dici tu, forse insegna che: la fantasia dei bambini non deve avere un limite, che la naturale curiosità e voglia di sperimentare dei più piccoli non va censurata, mentre gli adulti devono restare all'erta, pronti a salvare il piccolo che si è smarrito e offrire tanto tanto affetto e sicurezza." Anzi ne sono certa;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adoro quando i bimbi piccoli fanno quel tipo di domande :) e pure la loro fantasia e capacità di gioia innate :) ciao cara!

      Elimina
  10. Favole al telefono e' nella lista dei libri da leggere. Ne ho sentito parlare tanto bene e tu lo hai confermato!!!

    RispondiElimina
  11. Che madeleine, cara. Me la ricordo! Così come ricordo le Favole al telefono, che fu tra i miei primi libri! Splendido come è sempre stato Rodari.

    RispondiElimina
  12. No, devo dire che Andrea non cade in continuazione, ma è molto curioso e ci stordisce con le sue domande, spesso le stesse.
    Se conosco un po' mio figlio l'argomento dovrebbe piacergli, ma dovrei vedere se le storie sono scritte in modo talmente semplice e breve da essere seguite con facilità anche da un bimbo di 4 anni.

    RispondiElimina
  13. Grazie ancora a tutte!

    @ Letizia, qui è un cadere metaforico, io credo, e sì sono perfette per un 4 enne. E' una storia buffa e i disegni sono allegri, hai l'anteprima completa nel testo che ho linkato. Ciao!

    RispondiElimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...