martedì 7 febbraio 2012

Gibigianna

Conoscete questa parola?
Significa: lampo di luce riflessa su una superficie riflettente, o per usare la definizione una definizione più colta: “Quel riverbero di sole che ordinariamente per giuoco si fa dare addosso altrui, mettendo rimpetto al sole uno specchio” (dal Vocabolario milanese-italiano di Francesco Cherubini)

Pare sia uno dei pochissimi casi, registrato dall'Accademia della Crusca, di parola di origine scopertamente dialettale (Jessica sarà contenta :) ) che è entrata a far parte del vocabolario italiano.

In Storie di cose semplici scopriamo che la gibigianna ci può portare molto lontani, dal mondo di Amélie, alle pagine di Calvino, passando per tele parigine e poi torinesi, di specchio in specchio da Trieste a... chi lo sa più! Se siete curiosi date un'occhiata qui.

Nel mio caso si tratta di lessico familiare, non sono discendente del Porta, semplicemente abito in lombardia ed è una parola che mi ricorda l'infanzia e quei giochi da bambini di una volta.
Mio padre li ha insegnatati anche alla mia bambina.
Inutile dire che ne va pazza, è un nostro divertimento cercarla nei luoghi più disparati, basta un monile, una decorazione luccicante su un vestito, o anche un orologio, che si presti a fare da specchio e il gioco è fatto!

Per chi ne fosse ignaro è questo effetto qui:






Oltre ad imparare le origini di una parola particolare (e scopro dai commenti poco nota) possiamo familiarizzare con le interazioni della luce con la materia, scoprire con i nostri bimbi l'ABC dell'ottica.

Con dei cristalli swarovsky (ma vanno bene e sono anche più affascinanti le vecchie "gocce" di lampadari antichi...) l'effetto è ancora più interessante, si può ricreare un arcobaleno e iniziare i piccoli ai segreti dei fasci di luce... 







Giocate con i vostri bambini e stupitevi con i loro occhi divertiti!
Buon gioco (e tutto quel che ne verrà)!



Con questo post partecipo all'iniziativa di Palmy, learning by playing.


Powered by BannerFans.com


35 commenti:

  1. ma ci giocavi da bambina? perchè se no devi immediatamente rimediare ;) al primo raggio di sole! :)

    RispondiElimina
  2. Questa cosa della gibigianna, ci capita spesso. Ehi, non che io vada in giro tutta strass e paiettes, ma qualcosa di appiccicato luccicoso spesso ce l'ho. Soprattutto in estate mi accade . I miei bambini erano stupefatti e ho detto loro che erano spiritelli della luce, che a volte, quando garbava loro, apparivano. E' un gioco bellissimo. Non so se ancora ci credono, di sicuro fanno finta di crederci e apprezzano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...è che mio papà è ingegnere, per lui è normale spiegare un fenomeno più che evocarne la magia con una storia, ma in questa gibigianna c'è sicuramente molto di mia nonna e scommetto che è un gioco della sua memoria di bambino.
      Che belli i tuoi spiritelli :)

      Elimina
  3. La parola è bellissima! Gibigianna, ci sarebbe da farci una storia. "Il folletto Gibigianna e la tempesta di luce" :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fallo fallo! :) che bell'idea...

      Elimina
  4. Non conoscevo questa parola, anche se mi pare di averla sentita. Il gioco è bellissimo!
    Dopo questo tuo "magico" post sono ancora più contenta di averti lasciato da me un premio.
    Con tanto affetto,
    Tamara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, che carina! Vengo a vedere...

      Elimina
  5. gibigianna... che parola affascinante.
    Noi per ora giochiamo al buio con piccole torce, ma ci proveremo.

    Mi piace l'iniziativa di Palmy, vado a trovarla :)

    Ps. propongo un cambiamento nel titolo del tuo blog: "il mondo magico di Cì" è più adeguato :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello piace tanto anche a noi. Conosci Il gioco della luce di Hervé Tullet? Non ricordo a quale blogger del Venerdì del libro io sia debitrice, ma qui ha fatto felice una 4enne ;)

      Troverai tanti link da Palmy, adesso aspettiamo i tuoi! :) (Palmy, mi allargo, mi perdonerai...)

      Ps: eh eh eh... grazie!

      Elimina
  6. che bella parola! non la conoscevo!!

    RispondiElimina
  7. Attratta dalla parola che non conoscevo sono venuta a leggere il tuo post.
    D'ora in avanti la userà di sicuro, mi piace troppo, già la sento un po' mia, io che adoro usare parole del mio dialetto perché secondo me non c'è un corrispettivo giusto in italiano.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io non lo parlo affatto, da noi si usa poco, giusto gli anziani, solo mia nonna lo parlava un pochino, però a volte anche a me capita di usare alcune parole specifiche che non hanno corrispettivo in italiano, a volte anche senza saperlo, quando ho scritto il post non sapevo della storia curiosa di questa parola l'ho scoperta con voi...

      Elimina
  8. per tutti: mi raccomando al primo raggio di sole, state pronte a far la gibigianna! ;)

    RispondiElimina
  9. Non conoscevo la parola, il gioco si!

    passa da me, ti aspetta un premio! :-)

    ciaoooo

    RispondiElimina
  10. Bellissima parola, bellissimo esempio di apprendimento per scoperta!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Non sapevo la partecipazione fosse a termine, ma fa lo stesso! :) ciao!

      Elimina
  11. P. S. Non ho potuto inserire il link, ma ovviamente grazie della partecipazione!

    RispondiElimina
  12. Sono contentissima! non la conoscevo. Penso che pochi giochi possano competere con la gibigianna per il fascino, ci proviamo al primo raggio di sole! Però devi soddisfare la mia curiosità, come si dice 'giocare con ...' oppure 'giocare alla...'??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per quanto ricordo (e dico) è:
      "fare la gibigianna", o "cercare/guardare la gibigianna" però tra le due direi "giocare con". :)
      per farti capire è stato il nostro gioco preferito dei primi viaggi in aereo di eSSe 3 anni fa... ciao!

      Elimina
  13. Grazie. :-D Mi piace sapere da dove originano le parole, ma anche le cose in genere. E questa parola proprio non la conoscevo. Ha anche un nome simpatico!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sì, è molto simpatica :) grazie!

      Elimina
  14. Mai sentita la parola ma il gioco lo facciamo eccome. Ho un orologio perfetto allo scopo. In effetti non gli abbiamo mai assegnato un nome, devo chiedere ai miei suoceri se esiste un corrispettivo in piemontese ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo avevi poi chiesto? :) quando torna dal mare chiedo a mia nonna... :)

      Elimina
  15. La facevo anch'io da piccola!!!!! Ma la parola non la conoscevo nemmeno io, lo chiamavo semplicemente arcobaleno e l'idea me la diede il cartone animato di Pollyanna...io usavo le gocce dei lampadari! ^_^
    Ciao
    Loretta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho visto molto, a me piaceva Candy ;) Adoro le gocce dei lampadari, pensa che quando mi capita di passare in un mercatino di antiquariato resto a guardarle per lunghi minuti... :)

      Elimina
    2. Candy è insuperabile!!! E cmq Pollyanna è arrivata quando ero già più grandicella (probabilmente anche tu) ma quella puntata la ricordo nitidamente! ^_^

      Elimina
    3. mi manca... :) io non la ricordo granchè, magari indago sul tubo quando eSSe è più in target d'età... :) ciao!

      Elimina
    4. ecco ecco Pollyanna,,si si me la ricordo benissimo anche io quella puntata:-)

      Elimina
  16. Ma è il gioco di Anna dai Capelli rossi mi pare...o è un altro cartone??? Questo gioco mi è sempre piaciuto farlo. E' divertentissimo e anche a Stefano piace tantissimo
    ciao Elena

    RispondiElimina


Grazie per il tuo commento, le tue impressioni per me sono preziose :-)
È attiva la moderazione.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...